Chi siamo

15 anni di concerti

La Municipale Balcanica è stata fondata nel 2003 da musicisti con esperienze diverse, alcuni legati alle orchestre di fiati radicate in Puglia, altri alla musica popolare, al jazz e al rock ma tutti uniti dalla curiosità verso le culture musicali mediterranee e dell’Est Europa con cui il Sud Italia sta entrando in sempre maggiore contatto. L’energica attività live delinea il sound della MB che, e sarà il suo tratto distintivo, mantiene la compattezza della banda tradizionale e si apre alle fluttuazioni e alle sperimentazioni del jazz più libero. Dopo il demo, subito sold out “Con-tradizione”, la MB pubblica il suo primo disco nel 2005 “Fòua” e l’album diviene conosciutissimo non solo in Italia ma soprattutto all’estero dando inizio a una serie, mai conclusa, di concerti anche fuori dall’Italia tra Festival Jazz, raduni Folk e Rock e grandi happening di piazza.

Nel 2008, evolvendo il suo suono, la Municipale Balcanica pubblica “Road to Damascus”, un prodotto fatto di pochi, irrinunciabili, brani tradizionali e tanti altri pezzi originali, alcuni più radicati e dal sapore classico, altri che hanno la forma più coraggiosa della sperimentazione. Nel 2010 la MB ha ripreso il progetto “Tra Sponde” che vede l’incontro-scontro sul palco con La Kocani Orkestar, fanfara simbolo della tradizione balcanica, con cui si esibisce sia in Italia che all’estero, ad esempio al Berlin Jazz Fest.
Nel 2011 si prolunga il tour di supporto a “Road to Damascus” e il progetto “Tra Sponde” e arriva la collaborazione col trombettista internazionale Marko Markovic creando uno show inedito. Nel Giugno 2012 esce il disco “Offbeat” che segna un ulteriore cambiamento dell’attitudine della MB con un sound più profondo e meno frenetico. Una coraggiosa evoluzione apprezzata dalla critica estera e anche italiana con Valerio Corzani di Rai Radio Tre che recensì: “Una grande prova della Municipale Balcanica che in questo progetto si dimostra capace di disimpegnarsi tra vari stilemi e linguaggi”. Nel Novembre 2012 MB vince il concorso di ”Repubblica XL” come band pugliese più votata. A fine 2013 la Municipale inizia la collaborazione con Roy Paci. Col trombettista siciliano il tessuto comune fatto di amore sia per la banda tradizionale che per il jazz più libero mette in mostra scenari sonori inaspettati in concerti travolgenti. In questi anni l’attività live della MB si dipana così tra eventi assai differenziati con incontri sempre produttivi come con i grandiosi opening act per Manu Chao e Iggy Pop durante il Medimex di Bari. La MB a questo punto della sua storia ha suonato in tutta Europa e si è spinta oltreoceano collaborando spessissimo con gli Istituti Italiani di Cultura in giro per il mondo in qualità di ambasciatrice di una cultura italiana di frontiera, che sa essere forte della sua identità ma aperta senza pregiudizi alle influenze delle culture altrui.

Il 2018 è l’anno dell’album “Night ride”. Il nuovo disco segna una ulteriore svolta nel sound e nell’approccio compositivo della band che si allontana ancora dai sentieri più battuti del folk per riscoprire, insieme alle sue origini jazz, l’urgenza di raccontare e condividere gli scenari sonori, diversi e lontani tra di loro, in cui si è mosso il percorso non solo musicale della MB. “Night ride” è l’album più maturo, indipendente, elettronico e libero della Municipale Balcanica. Intanto nel mondo vi sono band come la Murga Xicohtl dal Messico, i Trocamba Matanusca dalla Spagna, i GoEast Orkestar dal Brasile e Oğuzhan Uğur in Turchia che suonano stabilmente brani della MB.